Arriva la primavera anche nell'Agro pontino | In Migrazione
  • contatti
  • sostienici
  • newsletter
  • facebooktwitteryoutube
 

Arriva la primavera anche nell'Agro pontino

Dopo tante denunce arrivano con i braccianti indiani i primi incoraggianti segnali di cambiamento

Ventisette lavoratori indiani hanno deciso di scioperare tutti insieme occupando quei terreni dove, come tanti altri, erano stati costretti a chinare la testa e a dire “si padrone”. Una battaglia inedita nelle campagne dell’agro pontino che rappresenta la testimonianza che qualcosa sta cambiando: è possibile pensare di uscire dallo sfruttamento e dalla violenza per i braccianti indiani Sikh in provincia di Latina. 

I lavoratori, con l’aiuto di In Migrazione e Cgil, hanno così portato avanti la loro battaglia non reagendo alle provocazione e alle minacce, compresa la violenza, arrivando alla fine ad un positivo epilogo: l’azienda ha accettato di pagare tutti gli arretrati mai corrisposti (per un totale di circa 37 mila euro) e ha aumentato la retribuzione oraria. Un fatto che in provincia di Latina ha una portata storica e che evidenzia la bontà del percorso sinora condotto: le denunce che hanno portato ad accendere i riflettori sullo sfruttamento dei braccianti indiani ha sostenuto i lavoratori e le lavoratrici nel sentirsi in diritto di rivendicare i propri fondamentali diritti; il centro polivalente bella farnia li ha aiutati a trovare un luogo protetto dove confrontarsi e scoprire le “buone regole del gioco” in una società complessa come la nostra, uscendo da un pesante isolamento sociale e culturale.

In Migrazione continuerà a lavorare con la comunità indiana del pontino sostenendo sia le giuste battaglie per uscire da uno sfruttamento inaccettabile, che mettendo in campo nuovi concreti progetti per l’inclusione sociale.