Con gli studenti di ABeCeDario alla scoperta delle strade di Roma | In Migrazione
  • contatti
  • sostienici
  • newsletter
  • facebooktwitteryoutube
 

Con gli studenti di ABeCeDario alla scoperta delle strade di Roma

Una giornata di laboratori sul tema dello spazio in giro per la Città eterna

La scuola di ABeCeDario di Casalotti ha fatto lezione in giro per il nel centro di Roma. Abbiamo camminato a lungo tra i monumenti e le piazze più caratteristiche dell’epoca barocca, scoprendo vicoli e piazzette che rappresentano squarci inediti e bellissimi della città.

Una giornata per scoprire il bello, stimolando la motivazione dei partecipanti a vivere in un paese che può essere positivo, dove "qualcosa di buono per me può esserci". Non una semplice gita, ma una giornata di lezioni all'aperto in un setting inedito. Durante la passeggiata gli studenti si sono misurati con giochi sui temi della direzione nello spazio, cercando di seguire delle indicazioni stradali e provando a riconoscere i riferimenti e i luoghi indicati nella consegna. Un’occasione per mettersi alla prova, giocando a fare la “guida turistica” e a turno provando a condurre il gruppo per le strade di Roma. La gita si inserisce all’interno di attività sui temi "la città e il suo lessico", "lo spostamento nello spazio", "osservare e descrivere".

Così alla fine della giornata abbiamo potuto raccogliere molto materiale da commentare in classe: nuove parole, formule di richiesta di indicazioni stradali e informazioni. Il giorno successivo in classe abbiamo rielaborato il materiale dividendo il lavoro in due parti: la prima parte l’abbiamo dedicata alla raccolta del lessico, elencando le cose che avevamo visto durante la gita del giorno prima (palazzi, fontane, monumenti, piazze e altro, ma anche strade, capolinea di autobus, segnali stradali, marciapiedi, isole pedonali, semafori, ecc.); nella seconda parte, lavorando con calma sulla formulazione corretta delle frasi e sulla declinazione dei verbi in -ARE al presente indicativo, abbiamo scritto un testo collettivo che raccontasse le fasi più salienti della gita. Si tratta di un testo molto elementare formulato da un gruppo classe di livello A1, che ha iniziato la scuola da appena un mese.

Lo riportiamo  perché per altro ci sembra la migliore cronaca possibile di una piacevole giornata passata insieme.

            Andiamo in gita a Roma.

Noi siamo a piazzale Flaminio alle 9.30, aspettiamo che tutti gli studenti arrivano.

Alle 9.50 finalmente partiamo e camminiamo fino al semaforo e poi attraversiamo la strada e arriviamo in piazza del popolo. In piazza del popolo guardiamo i monumenti, parliamo e fotografiamo la piazza e il gruppo di noi studenti. Dopo noi arriviamo in piazza di Spagna e incontriamo Suleman e Hamdy, facciamo una foto con loro, poi loro vanno via. Dopo noi andiamo a Fontana di Trevi, arriva Ekram in ritardo. Poi andiamo al Pantheon in piazza della Rotonda e guardiamo i cavalli e le carrozze. Andiamo avanti ancora, passiamo davanti al palazzo del Senato e arriviamo in piazza Navona.

In piazza Navona c’è una grande chiesa, ci sono tre fontane, c’è l’ambasciata brasiliana, ci sono tanti ristoranti e ci sono tanti turisti. Dopo andiamo a Campo dei Fiori dove c’è il mercato. C’è frutta, verdura, carne e fiori. Alla fine andiamo in piazza Venezia, ma prima passiamo da Largo Argentina, guardiamo i gatti e la città antica.  Quando arriviamo in piazza Venezia finiamo il giro. Roma è capitale d’Italia, c’è tanto traffico, c’è il Colosseo, c’è il Parlamento Italiano e c’è tanta polizia.

A Roma ci sono tante fontane, tanti musei, tanti turisti e tanti preti.

Roma è bellissima città.